giovedì 4 agosto 2011

Plum-cake al miele e fiori di lavanda

La lavanda Comune o Officinale la si trova soprattutto sulle colline della Francia meridionale, ed in Italia in Piemonte e Liguria.La sua spiga è considerata un amuleto che protegge da disgrazie, possessioni e demoni, ed è anche un talismano che propizia, si dice, prosperità e fecondità. In alcune zone della Toscana si usava per combattere il malocchio sui bambini, mentre a Roma, nel Medioevo, veniva usata per scacciare le streghe. Nel linguaggio dei fiori ha due significati opposti : serenità e diffidenza. La lavanda è considerate l’essenza astrale del segno dell’Ariete: tende ad addolcirne il carattere impulsivo ed irruente, e quindi ad eliminarne i contrasti e ad allontanare i pericoli. Crea intorno al soggetto un’aura dolcemente luminosa, attraendo energie esterne favorevoli. Stimolante ed aromatica la lavanda oltre a darci un profumo rinfrescante e caratteristico è anche usata per le sue virtù medicinali o, come in questo caso, come aroma in cucina…questo bellissimo fiore dai piccoli e profumatissimi fiori azzurri ci porta anche un po’ di sole della Provenza!
Dalla raccolta della mia piccolissima coltivazione...Plumcake al miele ed ai fiori di lavanda!

Ingredienti:
3 uova intere a temperatura ambiente
150 gr di zucchero
1 cucchiaio di miele al limone
125 gr di burro
300 gr di farina
75 ml di latte
1 cucchiaino raso di lievito
1 cucchiaio di fiori secchi di lavanda

Montare benissimo le uova con lo zucchero, unire il miele, il burro sciolto nel latte e la farina setacciata con il lievito. Per ultimo unire la lavanda e mescolare delicatamente.
Riporre l’impasto in frigo per mezzora.
 Imburrare ed infarinare uno stampo da pumcake. Infornare per 10 minuti alla temperatura di 210°-220°C, poi abbassare a 180° C e proseguire la cottura fino a che, inserendo uno stecchino di legno nell’impasto, questo non ne esca perfettamente asciutto. Spolverizzare di zucchero a velo.

Nota: Il plumcake, come altri tipi di dolci, tipo le madeleines, devono sviluppare, in cottura un forte rigonfiamento centrale, che li caratterizza in modo particolare. Questo si ottiene a causa dello shock termico provocato dalla differenza di temperatura dell’impasto che passa dal frigo al forno con temperatura piuttosto elevata. Se si vuole questo effetto, è bene eseguire questo passaggio.


P.S. Tutte le informazioni sulla pianta sono tratte dal testo “Florario” di Alfredo Cattabiani (Miti, leggende e simboli di fiori e piante).



16 commenti:

  1. che meraviglia, la sofficità si sente anche dallo schermo!
    Ho tutto per farlo, il miele è quello di Sulla, penso vada bene ugualmente, è molto delicato
    grazie!

    RispondiElimina
  2. Goloso!!!! E non sapevo del trucco frigo-forno, la prossima volta che faccio un cake provo!!!!

    RispondiElimina
  3. ..ops! sto facendo il plum cake ma vedo che parli di burro senza citare la quantità.. ora me la invento, anche perché ovviamente ci ho messo la mia "variante"
    domani poi ti dico;)

    RispondiElimina
  4. Scusa Cinzia..ho visto solo ora perchè sono in campagna e non c'è quasi segnale,faccio molta fatica a collegarmi..ho aggiunto il peso del burro,ci va assolutamente! non sarebbe così morbibo!mi raccomando fammi sapere come è venuto con le varianti..baci

    RispondiElimina
  5. Bello e particolare!
    Quanto mi piacerebbe assaporarne una fetta!
    Il profumo della lavanda si avverte molto? :))
    Ciao e buona giornata! :)

    RispondiElimina
  6. Ciao Ilaria! Sono arrivata sul tuo blog in cerca di ricette con la lavanda, io ho un contest in corso con questo ingrediente e, viste queste splendidi immagini, perchè non partecipi? Il dolce deve essere favoloso!
    P.S. Ho notato anche che abbiamo lo stesso libro! Cattabiani é uno dei miei autori preferiti e sul mio blog ho diversi post ripresi dai suoi scritti.
    Complimenti per il tu blog,a presto Lecoq

    RispondiElimina
  7. @Assunta..ne ho messi pochi fiori perchè l'aroma è molto forte..ti deve piacere la lavanda!ciao grazie
    @Lecoq..partecipo volentieri, spero abbia scadenza più in là perchè da dove sono faccio fatica a collegarmi! ciao grazie!

    RispondiElimina
  8. anche se una foto non può essere "assaggiata", la tua comunque trasmette una morbidezza incredibile!!!:-)

    RispondiElimina
  9. che bello questo plumcake,in più la lavanda è tra i miei fiori preferiti..:)

    RispondiElimina
  10. Plumcake da preparare assolutamente....spero soltanto di trovare i fiori di lavanda.....
    da oggi ti sostengo anch'io!
    complimenti per il blog :-)
    http://lellalafornella.blogspot.com/

    RispondiElimina
  11. grazie Lella..vengo subito a farti una visitina!

    RispondiElimina
  12. Da amante della lavanda mi soffermomsu questo cake delizioso! ...complimenti, idea da provare!

    RispondiElimina
  13. Ciao! Ho provato la tua ricetta ed ho pensato di riproporla sul mio blog :) se ti va di dargli un'occhiata è qui: http://stopthinkingletscook.blogspot.it/2014/10/plumcake-al-miele-e-fiori-di-lavanda.html

    RispondiElimina
  14. Ciao Ilaria,oggi la provo e ti dico,sempre belle ricette e belle foto!

    RispondiElimina

Vi chiedo gentilmente di firmare, se commentate come utenti anonimi, con un nome. I commenti totalmente anonimi verranno cancellati.