domenica 22 gennaio 2012

Torta dei "chiari"

 
Questa, come la torta di tagliatelle che ho postato qualche mese fa, è una torta della mia infanzia. La mangiavo nei giorni di festa, quando la famiglia si riuniva in grandi tavolate per le festività e la si preparava, con i “chiari” avanzati dalla “sfoglia” (ricca di tuorli) delle tagliatelle tirate a mano dalle nonne e dalla zie.
E’ considerata, come tutti questi generi di dolci, una torta da credenza; di sicuro si conserva per molti giorni ed è molto più buona dopo un giorno almeno di riposo, ma non è assolutamente una torta asciutta. Con un’attenta cottura si deve ottenere un guscio di frolla sottile ben cotto ed un cuore morbido all’interno.
Ecco allora, dalle bellissime montagne dell’Appennino-Tosco-Emiliano la...
















Torta dei “chiari”

Ingredienti:
per la base
250 gr di farina 00
125 gr di burro
80 gr di zucchero semolato
1 uovo intero
1 tuorlo
1 pizzico di sale
scorza di limone

Setacciare la farina, tagliare a tocchetti il burro e sfregarlo, usando la punta delle dita, con la farina, aggiungere lo zucchero, le uova, il sale e la scorza grattugiata di mezzo limone. Fate un panetto, avvolgetelo con carta forno e fate riposare in frigo un’ora.
Stendere sottilmente la pasta su uno stampo con bordo piuttosto alto, bucherellare il fondo con i rebbi di una forchetta e mettere in frigo almeno mezzora a riposare. Preparare intanto la farcitura

Per la farcitura:
7 chiari d’uovo
130 gr di zucchero semolato
200 gr di mandorle spellate tritate finemente (non tostate)
100 gr di cioccolato fondente in pezzi
Succo di 1 un limone filtrato
1 bicchierino di sassolino (o mistrà o altro liquore all’anice)

Mescolare in una capiente ciotola le mandorle tritate finemente, lo zucchero, il cioccolato in piccoli pezzi, il succo filtrato del limone e l’anice. Montare a neve fermissima gli albumi ed unirli, mescolando delicatamente per non smontare il composto, al resto dell’impasto.
Riempire il guscio ben freddo, manualmente o con sac a poche (per ottenere una superficie più omogenea) ed infornare a 170°C per 50 minuti circa, fino a doratura della frolla. Non deve scurirsi troppo la farcitura.
E’ una torta che necessita di un poco di riposo. E’ ottima il giorno seguente la preparazione.



21 commenti:

  1. Che bella torta molto invitante! Mi unisco a tuoi lettori :) buona domenica!

    RispondiElimina
  2. Ma che buona che dev'essere,sembra proprio le buone torte della nonna.Ne prenderei volentieri una fetta adesso.
    Un bacio e buona serata.

    RispondiElimina
  3. Lo sai vero che è meravigliosa??? :-))
    Grazie per avermi fatto conoscere questa delizia di casa tua, la salvo immediatamente!! :-)

    RispondiElimina
  4. Che golosità!!!!!!!!!
    Che bello riproporre le ricette dell'infanzia!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Ricetta veramente stupenda, come sempre :-)
    buona settimana

    RispondiElimina
  6. Ah, vedi, non ho fatto in tempo a commentare le madeleines, c'è già un'altra bontà! E' bello vedere ogni volta cosa riesci ad estrarre dal cilindro, sono squisitezze ogni volta... e io che vado matta per i chiari, me la segno! ciao, baci

    RispondiElimina
  7. Grande,ilaria,ci vogliono sempre delle ricette per usare gli albumi,che quando avanzano non si sa mai cosa farne :)

    RispondiElimina
  8. Ebbrava la mia Ilaria!!!! Bella questa torta!!!!
    Un baciotto!

    RispondiElimina
  9. necessaria ! ho proprio un sacco di mandorle siciliane ! grazie e ciao !

    RispondiElimina
  10. stupenda questa torta.. davvero stupenda!!la foto la mostra in tutta la sua soffice bontà!la copio e replico al più presto!

    RispondiElimina
  11. Che spettacolo questa torta! Non la conoscevo! Me la segno perchè ho giusto 6 albumi in freezer, ne aggiungo un altro e per il ripieno sono a posto! Grazie mille, un bacione!

    RispondiElimina
  12. PS - Ilaria, ma se non volessi mettere il liquore, a che cosa potrei sostituirlo? Latte?

    RispondiElimina
  13. Che buona! E un'ottima idea per recuperare gli albumi!!!

    RispondiElimina
  14. Ilaria che torta stupenda!
    Una fetta di questa a colazione e la giornata non può che scorrere lieta e felice!
    Sei davvero fortissima, non c'è che dire...
    Baci!!!
    Linda

    RispondiElimina
  15. Mi avanzano così spesso degli albumi che questa torta è una bellissima soluzione per smaltirli. Mi dispiace sempre buttarli.
    Proverò sicuramente questa ricetta. Se poi si conserva per più giorni è perfetta.

    RispondiElimina
  16. La golosità fatta torta, praticamente :-)

    RispondiElimina
  17. Che bel post. per fortuna Ilaria è passata dal mio blog e nel contraccambiare ho scoperto questa meraviglia e non solo.

    RispondiElimina
  18. Ieri ho fatto questa torta, ma stavolta non avevo mandorle, e ho messo delle nocciole in farina. E' molto buona comunque, anche se, secondo me, con il cambio di gusto ha virato un po' dalla Romagna al Trentino. Comunque validissima.
    Con il ripieno che avanzava ho fatto delle meringhette, cotte nei pirottini di mezza misura. Ottime anche quelle.
    Ciao!
    Sandra

    RispondiElimina
  19. A volte si fanno ancora delle scoperte incredibili, sulla rete. Questo blog, che non conoscevo, è bellissimo, mi ci perderei, e ho già visto alcune ricette che non vedo l'ora di difare. Fra cui questa. Una torta di quelle che piace a me.
    Ti metto subito nel blogroll, per non perderti. Bellissimo!

    RispondiElimina

Vi chiedo gentilmente di firmare, se commentate come utenti anonimi, con un nome. I commenti totalmente anonimi verranno cancellati.