venerdì 10 febbraio 2012

Tortelli dolci fritti


I tortelli dolci fritti sono dolci che in certe zone dell’Emilia fanno parte della tradizione natalizia e non carnevalesca. Il ripieno è particolarissimo, un tempo si preparava addirittura settimane prima a suon di aggiunte. Si mescolavano insieme  mandorle, zucchero, castagne secche, cacao, caffè…insomma, ogni famiglia ci aggiungeva un ingrediente diverso, a seconda della disponibilità, ed il tutto si teneva al fresco nei locali più freddi della casa, fino a quando non arrivava l’occasione di festa per preparare la sfoglia dolce e friggere. Mi ricordo che per i più piccoli se ne farcivano una parte con crema pasticcera, più adatta sicuramente ai gusti più semplici dei bambini. Era divertente cercare di scoprire, toccandoli tutti, quelli da cui non traspariva il ripieno più scuro, quello che ci piaceva meno..e mollarli spezzati o morsicati per la casa!
Oggi li ho fatti con la crema, più consoni al periodo carnevalesco, ma mi sono ripromessa, il prossimo Natale, di cercare di ritrovare quel gusto perduto.
Per la ricetta, che io ho modificato un po’, ringrazio mia Zia Graziella, sempre disponibile e cara nel raccontarmi le curiosità sui dolci “di famiglia”.


per la pasta:

300 gr di farina 00
5 cucchiai di zucchero (75 gr)
3 cucchiai di olio (20 gr)
2 uova intere
4 cucchiai di latte
1 cucchiaio di liquore (anice, rum o altro)
un pizzico di lievito per dolci
la punta di un cucchiaino di vaniglia semi

per il ripieno:

3 tuorli
5 cucchiai di zucchero (75gr)
3 cucchiai di farina ( 60 gr)
3 bicchieri di latte (450 ml di latte)
essenza naturale di vaniglia

olio di semi di arachide
zucchero a velo

Impastare tutti gli ingredienti a parte il latte. Aggiungerlo a cucchiaiate finchè la pasta non è perfettamente liscio e sodo. Potrebbe servirne una cucchiaiata di più o al contrario una di meno. Avvolgere l’impasto in carta pellicola e far riposare in frigo per almeno un’ora.
Stendere la pasta poco più spessa che una normale sfoglia per pasta fresca, fare delle strisce, farcire a mo’ di ravioli con un cucchiaino di crema, chiudere, sigillare spennellando leggermente la sfoglia con latte nei punti di contatto, friggere in abbondante olio caldo, scolare bene e servire con una spolverata di zucchero a velo.