domenica 12 agosto 2012

Pastine deliziose alla liquirizia

 
 Ho trovato in un posto della mia infanzia un librino di ricette facente parte di una piccola collana per ragazzi, edito dalla Fratelli Fabbri editore..dopo tanti anni l’ho riaperto con curiosità; in mezzo a quelle poche e semplice ricettine con cui ho fatto mille esperimenti da bambina, ne ho trovato una un po’ curiosa, già solo l’esordio mi ha fatto sorridere: “Se invitate un’amica a prendere il tè, preparate queste pastine e vi accorgerete che il nome che ho dato loro è sincero..”
A parte la semplicità della ricetta, che essenzialmente si tratta di una pasta briseé aromatizzata, mi ha incuriosito il metodo con cui vengono preparate queste pastine, metodo di solito usato per la pasta sfoglia o per i croissant..mai sentito di ricette di biscotti sfogliati; come è possibile sfogliare senza introdurre burro, che senso ha?
Forse nessuno, però io ho provato comunque, in fondo la ricetta ha un tempo di esecuzione di una decina di minuti…
Il risultato è particolare, il biscotto è leggermente sfogliato, croccante e friabile al tempo stesso, di quel genere di dolcetti che non finiresti mai di mangiare.
Io ho fatto una piccola variante alla ricetta originale, che prevedeva, al posto della liquirizia, un cucchiaio di semi di cumino. Li rifarò sicuramente perché sono velocissimi da fare e veramente poco impegnativi, magari aromatizzandoli con semi di anice o cannella.

Ingredienti:

200 gr di farina 00
100 gr di burro
1 pizzico di sale
Mezzo bicchiere di latte freddo
1 cucchiaino raso di polvere di liquirizia

Unire il burro a tocchetti con la farina ed il sale, impastare, aggiungendolo poco per volta il latte in cui avrete sciolto la polvere di liquirizia, fino a che l’impasto non raggiunga la consistenza di una pasta briseé. Potrebbe non essere necessario l’intera quantità di latte.
Fare un panetto e mettere in frigo a freddare bene.
Stendere la pasta in forma di rettangolo e nello spessore di non più di 4 o 5 mm, fare per la piega a tre come si usa per la sfoglia e ripetere l’operazione per 4 volte. Stendere, coppare nella forma voluta e far freddare bene, già posizionati nella teglia, in frigo per 10-15 minuti.
Infornare a 180°C fino a doratura. Appena freddi rotolare le pastine nello zucchero a velo aromatizzato con poca liquirizia.

Nota: per avere le pastine più dolci e croccanti, prima della cottura cospargerle di zucchero di canna, che in forno si caramellerà dando un risultato ancora diverso.



17 commenti:

  1. Che bontà! Adoro la liquirizia e l'idea di sfogliare i biscotti mi intriga alquanto. Li proverò sicuramente ;)

    RispondiElimina
  2. Mammamia che delizia, mi sembrano morbide e friabilissime, sono troppo invitanti! :D Complimenti, segno subito la ricetta, voglio farle! Un bacio e buona domenica! :)

    RispondiElimina
  3. Buonissimi! Da provare al più presto! Ciao, buona domenica...

    RispondiElimina
  4. da provare questi! tanto meglio se veloci da fare e buoni come sembrano.
    Buona domenica, ciao

    RispondiElimina
  5. Neppure io conoscevo la tecnica per i biscotti sfogliati: mi hai davvero incuriosito ed... ingolosito, adoro la liquirizia! Grazie e buona domenica!

    RispondiElimina
  6. devono essere a dir poco deliziose...un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  7. Bentornata , Ilaria ! Molto particolari questi biscotti ,
    e assai intrigante la sfogliatura...
    Ruli

    RispondiElimina
  8. mmm, vado matta per la liquirizia!! Devo provarli! baci

    RispondiElimina
  9. Anche a me piace molto la liquerizia. Bravissima !!!

    RispondiElimina
  10. Che interessante questa struttura ... E anche ripescare le ricette d'antan !
    Provo !!
    Ciao !

    RispondiElimina
  11. Ho scordato la password e sono entrata come anonimo ...
    Di nuovo ciao !!
    LAURA !

    RispondiElimina
  12. Che belli Ilaria,sono davvero invitanti,e ti dirò che alla liquirizia non li avevo mai provati.Me la segno ^_^

    RispondiElimina
  13. Ciao Ilaria, che bei biscottini, ho acquistato due etti dipolvere di liquirizia e ancora non mi decido ad usarla...una domanda, ma tra un gito di pieghe e l'altro c'è un tempo di riposo in frigo??

    ciao loredana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Loredana, non li ho fatti i riposi perche' nella ricetta non li prevedeva, gia' mi sembrava impossibile si sfogliassero un po'. Non sono dolci pretenziosi, ma ti assicuro che il rapporto velocita'/bonta' e' molto buono. Non sono dolcissimi, ma particolari, a me sono piaciuti molto!
      Grazie e buona serata!

      Elimina
  14. Ciao!!!!
    Ma sono buonisseme queste paste!!!!
    Se ti va passa per un saluto

    RispondiElimina
  15. Sembrano davvero golosi! Proverei di sicuro la variante con il cumino, non l'ho mai usato in un dolce.

    RispondiElimina
  16. Sono capitata qui per caso. Complimenti Questa ricetta la trovo originalissima e la proverò. Con mio figlio, adoro a lquirizia

    RispondiElimina

Vi chiedo gentilmente di firmare, se commentate come utenti anonimi, con un nome. I commenti totalmente anonimi verranno cancellati.