lunedì 24 settembre 2012

Creme bruciate


Questa estate, in Sardegna, nella zona di Alghero, ho trovato molto spesso nella pasticcerie questo dolce, la “crema bruciata”, in versione torta unica o più spesso in monoporzione.
Mi è stato detto da chi in quella zona ci vive, che non è un dolce di antica tradizione e chi conosce i dolci sardi e gli ingredienti ricorrenti tipici della loro preparazione concorderà con questa affermazione.
Io non so da quanto tempo questa pastina deliziosa furoreggi in tante pasticcerie della zona, so invece che è molto buona, buonissima se fatta con la pasta sfoglia fatta in casa, e veloce e facile se fatta con pasta sfoglia pronta.
Di sicuro è una variante, tutta sarda, della più famosa crema catalana, ed in fondo i conti tornano; Alghero come altre zone della Provincia di Sassari ha indubbiamente subito parecchie influenze dalla cultura catalana.


Ingredienti: (per una decina di “creme bruciate”)

per la sfoglia:

ricetta spiegata qui oppure una confezione di sfoglia pronta da cui ricavare una decina di cerchi di 7-8 cm di diametro.

per la crema:

3 tuorli
8 cucchiai di zucchero
40 gr di maizena
200 ml di panna
250 ml di latte
vaniglia semi

Coppare con un tagliapasta nove o dieci tartellette rotonde di circa 7-8 cm di diametro, metterle in forma in altrettanti stampini (vanno benissimo anche quelli di alluminio usa e getta per budini); impilarle a tre a tre e cuocerle  a 180°C fino a leggera doratura. Separarle e continuare la cottura per qualche minuto in modo che anche il fondo sia perfettamente cotto.
Nel frattempo in una casseruola mescolare i tuorli con lo zucchero, unire l’amido di mais, la vaniglia ed unirci, a filo e sempre mescolando, il latte e la panna. Cuocere a fuoco basso fino a raddensamento. Far intiepidire, versare sui gusci di sfoglia fino al bordo, spolverare con abbondante zucchero di canna e caramellare la superficie solo prima di servire usando un cannello per pasticceria o mettendo le tartellette in forno  (nel ripiano più alto) con funzione grill per pochi minuti.

23 commenti:

  1. La assaggerei volentieri una 'crema bruciata'! Che belle ti sono venute, proprio invitanti! Il sapore deve essere squisito, eh? Che voglia mi hai messo! :) Bravissima! :)

    RispondiElimina
  2. mmmmmmm...le voglio! Copio la ricetta e vado a comprare gli ingredienti...baci!

    RispondiElimina
  3. l'idea della monodose è bellissima !
    rubo !
    ciao !!

    RispondiElimina
  4. ma che belle tortine, non le conoscevo affatto!

    RispondiElimina
  5. Davvero molto invitanti!!!Buona settimana.

    RispondiElimina
  6. che spettacolo prendo subito nota ..
    baci

    RispondiElimina
  7. bruciate o non bruciate sono deliziose ugulmente. ciao kiara

    RispondiElimina
  8. non li conoscevo ma mi segno la ricetta,troppo golose sono:)

    RispondiElimina
  9. Che delizia da provare sicuramente.......Grazie.
    a presto claudette

    RispondiElimina
  10. Mammamiaaaaa che buoneee! :D Devo provarle assolutamente, bravissima! :D Un bacione!

    RispondiElimina
  11. Hanno un aspetto fantastico!!!!!

    RispondiElimina
  12. Quanto mi tentano con quella crosticina croccante, sono meravigliose!
    Un bacio.

    RispondiElimina
  13. Ciaooo , che bello , arrivo a scriverti !.....se arrivo ad organizzarmi proverò questi dolcetti per il nipote : devono essere assai piacevoli . A casa avrei tutto , stampi e ingredienti , ma qui...sono in difficoltà e non conosco il forno ...
    Ruli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ruli..devi solo provare, queste sono semplicissime!
      buona....vacanza!!^__^

      Elimina
  14. dai, che buone, molto il mio genere, le provo... arf

    RispondiElimina
  15. Ma che buone queste! Molto simili alle pasteis de nata che ho mangiato in Portogallo quest'estate, solo che loro mettono la crema a crudo. Le tue mi sembrano più facili da fare, come ti ho detto, quelle che ho provato a fare non sono venute un granchè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nadia, in che senso crema a crudo, che cuoce in forno? tipo créme brulè??

      Elimina
  16. Ilaria, la cottura impilata serve a non far sollevare il fondo, o non avevi spazio in forno? Non la conoscevo, e mi incuriosisce.
    Ciao, Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao simpaticona, la cottura impilata è un metodo rusticissimo per non far gonfiare troppo il fondo, almeno per tre quarti di cottura, poi le spilo e finisco di cuocerle...lo so, ti chiederai come faccio con quella più alta..pensaci!!^__^

      Elimina
  17. buon giorno che belle queste creme! secondo te le posso fare con pasta fillo ?

    RispondiElimina

Vi chiedo gentilmente di firmare, se commentate come utenti anonimi, con un nome. I commenti totalmente anonimi verranno cancellati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...