lunedì 13 maggio 2013

Il mio dolce preferito in versione primavera ed una torta alle nocciole



Per la mia festa di mamma, ieri ho preparato due dolci semplicissimi, uno dei quali è in assoluto il mio dolce preferito, scoperto grazie alla mia cara amica triestina Ruli, già postato sul blog ed a cui ho cambiato solo l’aromatizzazione.…non cambierei un fetta di kugelhopf alla rosa con la più buona fetta di bavarese, di cheese cake, di pan di spagna farcito o di qualsiasi altro dolce “cremoso”. Ne ho fatto anche qualcuno piccolo, classico, con gocce di cioccolato all’interno.

L’altra invece è una torta semplicissima, di quelle che si fanno veloci veloci quando si hanno degli albumi in avanzo da altre preparazioni. La condizione indispensabile però, affinchè venga un ottimo dolcetto, è che le nocciole impiegate siano fresche e di ottima qualità, tipo le trilobate delle Langhe.


per il kugelhupf

Ingredienti: (per uno stampo da 2 litri)

350 gr di farina manitoba
100 ml di latte
10 gr di lievito di birra
70 gr di zucchero semolato
2 uova intere
1 tuorlo
140 gr di burro
5 gr di sale
2 cucchiai di sciroppo di rose
1 pizzico di semi di vaniglia


Sciogliere il lievito nel latte a temperatura ambiente e mescolarlo con 100 gr di farina. Coprirlo con una salvietta umida e farlo lievitare in ambiente tiepido almeno mezz’ora.
Riprenderlo, metterlo nella planetaria, aggiungere un uovo intero, un po’ di farina e far andare a bassa velocità. Aggiungere, alternando, l’altro uovo, altra farina, il tuorlo,  lo zucchero per ultimo il sale. Far incordare bene ed aggiungere lo sciroppo di rose, la vaniglia ed il burro a piccoli pezzi ammorbiditi con le mani. Far impastare per 20 minuti, fino a che la massa è perfettamente liscia e si stacca benissimo dalle pareti della planetaria. La pasta deve essere lucidissima ed elastica. Coprire con il panno umido e riporre in forno tiepido a lievitare. Deve diventare il triplo. Si può mettere una piccola scodella di acqua calda sotto.
Imburrare benissimo, in tutte le scanalature, lo stampo per kugelhupf, distribuire sul fondo una manciata di mandorle a lamelle.


Sgonfiare la pasta, fare un buco al centro ed adagiarla delicatamente nello stampo a ciambella. Coprire con pellicola leggermente unta, appena appoggiata e rimettere in forno tiepido fino a quando l’impasto, lievitando, non avrà raggiunto il bordo dello stampo, o lo avrà anche un po’ oltrepassato.

Scaldare il forno a 200°C, infornare sul ripiano basso del forno stesso e dopo una decina di minuti abbassare la temperatura a 180°C. Sfornare quando la superficie è dorata e lo stecchino inserito è asciutto. Ribaltare il dolce su una gratella e far raffreddare. Spolverare di zucchero a velo.
Nota: consiglio vivamente lo stampo in alluminio, ne ho provati parecchi ed è quello più adatto al kugelhupf.





per la torta alle nocciole

Ingredienti:

170 g di albumi (di solito 5)
170 g di zucchero
170 g di nocciole delle Langhe tostate
1 cucchiaio di fecola
1 cucchiaio di cacao
1 cucchiaio di panna
1 cucchiaio di rum


Tritare con il mixer le nocciole con 2 cucchiai dello zucchero preso da totale. Montare gli albumi con il restante zucchero fino ad ottenere una meringa piuttosto soda ma non fermissima. Unire le nocciole e gli ingredienti restanti cercando di non fare smontare troppo il composto. Infornare in teglia da 24- 26 cm, imburrata ed infarinata a 170°C per 10 minuti, poi proseguire a 160°C per circa 20 minuti. Spegnere il forno e tenendolo semiaperto far asciugare una decina di minuti. Tagliare a pezzetti e spolverare di zucchero a velo e cacao.
Volendo, sempre a bassa temperatura, si può far cuocere la torta per un altro quarto d’ora; verrà biscottata, ugualmente buona.
Si conserva benissimo, anzi, è migliore i giorni seguenti alla preparazione.


per lo zabaione al moscato di Asti

Ingredienti:

2 tuorli d’uovo
1 cucchiaio di zucchero
1 guscio d’uovo di moscato

Sbattere tutti insieme gli ingredienti con una frustina a mano e cuocere a bagnomaria a fuoco molto basso, sbattendo continuamente fino a che lo zabaglione  avrà assorbito tutta la schiuma ed avrà raggiunto la consistenza spumosa. Non deve bollire. Servire subito con la torta.














12 commenti:

  1. Ciao Ilaria :) Innanzitutto auguri per la festa della mamma (anche se in ritardo!) e complimenti per questi due golosissimi dolci, presentati splendidamente! :) Chissà che delizia! Un abbraccio e buon inizio settimana :**

    RispondiElimina
  2. Ciao Ilaria, il kugelhupf è un dolce che mi piace tantissimo, ma non mi è mai riuscito bene. Proverò la tua ricetta perchè il tuo è davvero perfetto. Grazie! Buona settimana.

    RispondiElimina
  3. troppo buoniiiiiiiiiiiiiiii, complimenti doppi sei una persona fantastica, bravissima mi piacciono purtroppo entrambi i dolci

    RispondiElimina
  4. Bellissime e che presentazioni..... bravissima-
    ciao ciao da claudette

    RispondiElimina
  5. Ambas recetas se ven muy bien absolutamente delicioso,lindas flores que tengas una Feliz primavera,abrazos y abrazos.

    RispondiElimina
  6. Questi dolci piacerebbero molto anche a me... ma lo sciroppo di rose dove lo trovi? baciotti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui a Genova dappertutto, lo si produce anche a casa. Fra qualche giorno ci saranno banchetti ai mercatini che vengono le corolle di rose al chilo, quelle adatte allo sciroppo...se vuoi te ne mando una bottiglietta!!
      Scrivimi il tuo indirizzo!

      Elimina
    2. grazie del pensiero Ilaria, ma non voglio disturbarti, magari lo cerco prima da queste parti, poi ti faccio sapere :)) un abbraccio

      Elimina
  7. nel dubbio, non sapendo quale scegliere, io li assaggerei tutti e 2!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  8. Caspita che foto !!!! Il " cuguluf " ti è venuto proprio bene .... e
    niente niente male pure la torta smaltisci-albumi ...Farò un pensierino
    Ruli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ruli, se non fosse stato per te non l'avrei mai provato questo dolce favoloso, è e rimarrà il mio preferito!!

      Elimina
  9. Pictures are so beautiful and the cake looks delicious! Thanks for sharing. Sharon and Denise

    RispondiElimina

Vi chiedo gentilmente di firmare, se commentate come utenti anonimi, con un nome. I commenti totalmente anonimi verranno cancellati.