giovedì 5 settembre 2013

Biscotti con la glassa della signora Assunta


E’ da un po’ di tempo che ho questa ricetta in attesa di realizzazione, ma non mi convinceva il fatto di dovere usare il carbonato di ammonio come agente lievitante. L’ho usato una volta sola ed è stato un disastro; l’odore forte di ammoniaca mi aveva completamente rovinato dei biscotti e da allora avevo deciso di non usarlo mai più. Mi sono un po’ informata ed ho capito che per certi tipi di dolci, come questi, è invece indispensabile, e che con le giuste accortezze in cottura ma soprattutto le giuste dosi, i biscotti già da appena sfornati non hanno più il minimo odore. Sono buonissimi, mi sono solo pentita solo di non averne di più. La ricetta mi è stata data questa estate da una simpatica signora della provincia di Caserta, incontrata casualmente in treno mentre eravamo dirette tutte e due sulla riviera romagnola…Il suo viaggio era un po’ più lungo del mio, e la signora si rammaricava del fatto di non essere riuscita a preparare qualche specialità di casa da portare in dono al battesimo della sua terza nipotina romagnola. Mi disse che ci avrebbe pensato all’arrivo, quando  avrebbe preparato per la festa i “biscotti al naspro” che le faceva sua nonna. Insomma, una storia un po’ lunga ed alla fine questa ricetta, è passata anche dalle mie mani.
Per curiosità, essendo un dolce di cui non sapevo nulla, ho guardato un po’ in giro; su libri e web; direi che gli “anginetti”, come parrebbero essere questi biscotti, hanno ricetta piuttosto diversa, e quindi ho deciso, una volta tanto, di non voler sapere altro. Mi sono affidata ciecamente alla ricetta tanto gentilmente regalatami, pensando che probabilmente è solo una delle mille varianti famigliari di un dolce tipico della terra del Sud.
Grazie quindi alla signora Assunta (che non sono sicura leggerà mai) per la sua ricetta perfetta e che mi ha regalato, oltre ad una buona merenda, un pezzettino della sua tradizione di famiglia!
La dose da “grande famiglia” l’ho un pochino ridotta, mantenendo le proporzioni.


Ingredienti:

600 g di farina 00
3 uova intere
180 g di burro
180 g di zucchero
10 g di carbonato di ammonio
60 ml di latte
60-100 ml di limoncello
semi di vaniglia
scorza grattugiata di un limone
un pizzico di sale

per la glassa al limone:

300 g di zucchero a velo
succo di limone (tenerne due a disposizione)

Lavorare il burro morbido con lo zucchero, aggiungere le uova poco per volta, il sale, la vaniglia, la scorza di limone. Aggiungere la farina ed il carbonato di ammonio sciolto nel latte tiepido e 60 ml di limoncello. L’impasto deve essere appena più morbido di una normale frolla. Se necessario aggiungerne altro. Formare un panetto e mettere in frigo, o in posto fresco, un’ora.
Prendere dei pezzi di pasta e su una spianatoia infarinata formare dei rotolini come si usa fare per gli gnocchi, di circa un cm di diametro o poco meno. Tagliarli della lunghezza necessaria per fare un piccolo nodo; disporli distanziati su una teglia ed infornare a 190°C a forno leggermente fessurato. Non devono colorirsi troppo.


Mettere in una ciotola lo zucchero a velo setacciato; aggiungere il succo di limone filtrato mescolando fino ad ottenere una glassa densa. Capovolgere i biscotti ed intingerli nella glassa. Fare asciugare perfettamente.
Si conservano, una volta ben asciutti, per più giorni, al riparo dall’umidità, preferibilmente in una scatola di latta.


Biscuits au “naspro”, Anginetti.

Ingredients:

600 g de farine à pâtisserie Type 45
3 œufs entiers
180 g de beurre
180 g de sucre semoule
10 g de bicarbonate d'ammonium à pâtisserie
60 g de lait
60/100 de limoncello
Le zeste d'un citron vert, sel, vanille.

Pour le glaçage.

300 g de sucre glace, jus de citron

Travailler le beurre souple avec le sucre. Ajouter petit à petit les œufs, le sel, les zestes de citron, et les grains de vanille.
Ajouter la farine, le bicarbonate fondu dans le lait tiède, et le limoncello.
La pâte doit être un peu plus souple que de la pâte sablée. La mettre à raffermir au moins une heure au réfrigérateur.
Faire des vermicelles de 10 cm de Long et de 1 cm de diamétre. Faire un nœud et mettre à cuire sur du papier sulfurisé à 190 degrés avec ( une fissure ? Je n'ai pas bien compris, tu veux peut-être dire avec la porte du four légèrement ouverte pour permettre à l'humidité  de sortir ? ).

Les biscuits ne doivent pas être humides et surtout ne pas trop colorer.
Préparer le glaçage en mélangeant le sucre glace et le jus de citron, glacer le dessus des biscuits et bien laisser sécher.
Ces biscuits se conservent un mois dans une boîte en fer.



13 commenti:

  1. sono dei biscotti magnifici in cucina bisogna provare e riprovare anche con nuovi ingredienti :-),

    RispondiElimina
  2. golosi e buonim quanti ricoerdi, grazie per questa deliziosa ricetta

    RispondiElimina
  3. Non sai da quanto.. ma da quanto cercavo questa ricetta!! La voleva il mio fidanzato, visto che è napoletano, perchè mi ha sempre chiesto di riprodurre questi biscotti che mangiava da piccolo! Grazie, amica mia! Sono bellissimi i tuoi! <3

    RispondiElimina
  4. Sono proprio belli , e devono essere anche molto buoni....
    Ruli

    RispondiElimina
  5. Non conoscevo questo tipo di biscotto, Ilaria! Grazie per aver condiviso la tua bella e golosa preparazione.
    Una buona serata

    RispondiElimina
  6. Se ve muy ricos sus dulces buena receta digna de copiar,saludos y abrazos

    RispondiElimina
  7. Che delizia!!!
    Buona settimana!!!!

    RispondiElimina
  8. L'aspetto è fantastico!! poi se è la ricetta di una "nonna" è sicuramente ottima! la copio :-)!
    Buona serata!
    Elisa

    RispondiElimina
  9. Sono la signora Assunta, mi ha fatto piacere vedere che ha riprodotto fedelmente e in modo meraviglioso la mia ricetta. Spero che sia stata di suo gradimento e che per tutti sia simbolo di festeggiamenti come lo è per noi qui!
    Con affetto la signora Assunta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che piacere signora Assunta che sia capitata qui!!! ....non ci speravo proprio! I questa ricetta è stata graditissima, e d'ora in poi sarà anche una mia ricetta di famiglia; sono troppo buoni, li ho già rifatti parecchie volte! ancora grazie, e speriamo di rincontrarci..magari in treno per la Romagna!
      un caro saluto
      Ilaria

      Elimina
  10. Questi biscotti sono ottimi, ho fatto qualche modifica, niente limone ma tutto limoncello, anche x la glassa, di ammoniaca ne ho usata un cucchiaino scarso senza scioglierla ma setacciandola con la farina.......grazie ciao Maria Rosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, sono contenta Maria Rosa che ti siano piaciuti..la ricetta della signora Assunta è ottima? Li rifarò presto con le tue modifiche!

      Elimina

Vi chiedo gentilmente di firmare, se commentate come utenti anonimi, con un nome. I commenti totalmente anonimi verranno cancellati.