martedì 12 novembre 2013

Tortellini....veri!


Ci sono persone con cui basta scambiare poche parole e ti accorgi che è come se le conoscessi da una vita…non succede spesso, ma quando succede è subito simpatia e confidenza. Con Fiorella è stato così; poche parole via mail, qualche scambio di opinioni e subito questa bravissima cuoca emiliana mi ha conquistata! Il motivo principale, oltre la sua simpatia ed emilianità è stata proprio la sua bravura ai fornelli, anzi, al matterello; era da anni che sognavo di mangiare i tortellini della mia infanzia, quei cosini minuscoli che vedevo fare alle mie nonne con tanta cura per le feste in famiglia. Mi ricordo che formavano i cappellini aiutandosi con il dito mignolo…certo di tortellini e cappelletti ne ho mangiati tanti da allora, ma mai fino ad oggi avevo ritrovato quel gusto!
Quelli di Fiorella sono proprio così, e visto che io, vergognandomi un po’ considerato le mie origini emilio-romagnole, non li so assolutamente fare, sono contentissima di ospitare qui nel mio blog la sua ricetta. Grazie Fiorella, per la ricetta, ma soprattutto per avermeli fatti assaggiare!!


Per la sfoglia:

250 g di farina 00
250 g di semola
300 g di uova intere

Impastare tutti gli ingredienti e far riposare per un’ora circa.

Per il ripieno:

150 g di mortadella Bologna
75 g di prosciutto dolce di Parma
270 g di lombo di maiale
250 g di parmigiano stagionato 24/30 mesi
sale q.b.
noce moscata grattugiata


Mescolare tutti gli ingredienti e far riposare per un’ora circa.
Stendere la pasta sottile a mano o con la macchina della pasta facendola passare nel penultimo spessore; tagliare a quadretti di circa 2 cm per 2, farcire con poco ripieno e chiudere a triangolo. Unire quindi le due estremità arrotolandole tra indice e pollice per formare il classico tortellino.

Servire con un buon brodo di carne

e per capire meglio: