lunedì 12 gennaio 2015

Torta Tresor


Chi come me, negli anni settanta, faceva merenda negli autogrill con i mitici Tresor, magari percorrendo l’Adriatica verso il mare, non può non apprezzare questa torta…all’epoca poi, mi ricordo che dividevo le persone in due gruppi; quelli che mangiavano i Tresor, come me e le mie sorelle, e quelli che mangiavano dei piccoli bauletti di frolla, sempre della Pavesi, ripieni di marmellata di fichi. Per anni mi sono chiesta a chi potevano piacere…
In questa torta ci sono in più delle ottime nocciole piemontesi, ma il gusto, fondamentalmente, è quello!

Ingredienti:

140 g di burro
90 g di zucchero fine
1 cucchiaino di miele
scorza di una arancia grattugiata
3 uova intere
150 g di farina 00
Un cucchiaino di lievito raso (facoltativo)

per la copertura:

100 g di nocciole piemontesi tritate grossolanamente
100 g di granella di zucchero
100 g di cioccolato fondente tritato grossolanamente

Montare burro, zucchero e miele; aggiungere una alla volta le uova, la scorza di arancia e per ultimo la farina setacciata con il lievito. Mescolare quel tanto che basta per farla amalgamare al composto.
Stendere l’impasto in una tortiera da 26-28 cm di diametro, ricoprire con le mani del mix di nocciole-granella e cioccolato ed infornare per 30 minuti circa a 170°-180°C.
Verificare la cottura con la prova stecchino.


Nota curiosa: cercando ora sul web il nome dei biscottini ai fichi, ho scoperto che anche Sarah, di Fragole e Limone, faceva il mio stesso tipo di merenda correndo addirittura verso la stessa località turistica…lei mangiava l’altra però!^__^