lunedì 11 gennaio 2016

Pasticcini di frolla montata



Le frolle montate sono dei biscottini molto fini adattissimi per il tè pomeridiano; sono anche molto belli da vedere, soprattutto se li decorerete con un po’ di fantasia. Si conservano, ben protetti dall’umidità, per molto tempo. Vi consiglio, proprio per questo motivo, di non esitare a fare la dose intera. Ne ricaverete tre o quattro  teglie.
Se vi interessa la versione al cacao, la trovate qui.

590 g di farina 00
450 g di burro a T ambiente
180 g di zucchero fino
una decina di armelline
2 uova intere
2 tuorli
16 g di lievito per dolci (una bustina)
un pizzico di sale
semi di mezza bacca di vaniglia o qualche goccia di olio essenziale di arancio (o di limone)


Per prima cosa mescolate con una frustina a mano le uova intere ed i tuorli; pesateli ed utilizzatene per la ricetta  solo 150 g.
Tritate finemente le armelline con un cucchiaio dello zucchero previsto. In planetaria o in un capiente mixer montate il burro morbido col restante zucchero fino ad ottenere una massa ben areata. Aggiungete le armelline tritate e, poco alla volta,  le uova, inserendone una piccola quantità solo quando la precedente è stata completamente assorbita. A inserimento completo unite il sale e la vaniglia (od olio essenziale). Setacciate la farina con il lievito ed uniteli al composto. Si dovrà ottenere un impasto un poco più morbido della normale pastafrolla.
Inserite subito  il composto in una sacca da pasticceria con il beccuccio a stella e spremete i biscottini direttamente su una teglia rivestita di carta forno. Guarnite a piacere con ciliegine tagliate a metà, con nocciole, mandorle, canditi o confettini colorati. Riponete in frigo per non meno di 30-40 minuti. Infornate a 180°C fino a leggera doratura. Non devono colorire troppo.
Aspettate il completo raffreddamento prima di staccarli dalla teglia; sono molto fragili da caldi.
A piacere ricopriteli per metà con buon cioccolato temperato e conservateli al riparo da umidità, possibilmente in scatola di latta.

Nota
Se l’impasto risultasse troppo difficoltoso da spremere aggiungete un cucchiaio di liquido ( o di uova avanzate o di latte) ma non di più. Per facilitare l’estrusione, che comunque è difficoltosa, vi consiglio di utilizzare due sacche da pasticceria, una dentro l’altra,  per ottenere una resistenza maggiore.
Non mettete assolutamente l’impasto in frigo prima di essere spremuto, si indurirebbe ulteriormente.


8 commenti:

  1. complimenti,una vera leggerezza,eleganza d'altri tempi,felice sera

    RispondiElimina
  2. Buonissimi, adoro questi biscottini, bravaaaa!!!
    Bacioni

    RispondiElimina
  3. Per questi farei follie.. poche cose mi attirano di più che la piccola pasticceria: biscotti da té e bignè sono qualcosa che mi fa letteralmente capitolare. Che belli e che buoni i tuoi!!!!

    RispondiElimina
  4. Che belli così variopinti!

    RispondiElimina
  5. Ma che bel blog""" e io che me lo stavo perdendo.....capito qui per caso e trovo tante cose bellissime!!!

    RispondiElimina

Vi chiedo gentilmente di firmare, se commentate come utenti anonimi, con un nome. I commenti totalmente anonimi verranno cancellati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...