martedì 31 maggio 2016

Torta Regina

          

Ci sono delle ricette che per quanto semplici non riescono mai come le desideriamo...soprattutto se la nostra ricetta del cuore non è una ricetta precisa, ma la somma di tante cose che ci   piacciono in un  dolce e che vorremmo poter realizzare con facilità proprio come le abbiamo in mente.
Questa per me è una di quelle; non è una torta paradiso; nè la versione classica al burro genere pasticceria Vigoni, nè quella genovese che è poco più di un semplice pan di spagna. Non è neppure una torta margherita e nemmeno una torta maddalena...forse semplicemente è la somma di tutte queste, creata sul mio gusto personale...ecco, per me questa è la torta perfetta, quella che vorrei avere  sempre alla mattina a colazione o a merenda con il tè, e non è detto assolutamente che sia cosi per voi.      
È sofficissima, leggera e friabile al punto giusto. Si scioglie in bocca. Anche il nome è inventato...spero non esistano torte “regine” tradizionali, non sia mai che qualcuno ne faccia una questione d'onore e si offenda perchè ho chiamato con un nome una ricetta che non fa fede, anche solo per la mancanza di un pizzico di sale, alla ricetta tradizionale. Purtroppo in mezzo a questo mare di dolore, c'è chi si indigna per queste stupidaggini...questa, a scanso di equivoci, è la mia Torta Regina semplicemente perchè la considero la regina delle mie torte del cuore, quelle che rifarai sempre ed in mille occasioni, come questa e questa. Spero vi piaccia; a me piace così, spolverata di zucchero a velo, ma è un'ottima base per torte farcite. 
  
          
           
Ingredienti (per 8 persone)

4 uova intere
2 tuorli
200 g di zucchero semolato
80 g di farina debole
60 g di fecola
15-20 g di latte in polvere ( due cucchiai rasi)
un cucchiaino da caffè di lievito per dolci 
100 g di burro
semi di una bacca di vaniglia
2-3 gocce di olio essenziale di limone

Procedimento

In una casseruola dal fondo spesso mescolare con una frusta a mano le uova intere, i tuorli, lo zucchero e la vaniglia. Scaldare su fuoco bassissimo mescolando di tanto in tanto. Il composto uova zucchero deve intiepidirsi appena per facilitare la montata e far sciogliere lo zucchero. La temperatura non deve comunque superare i 50°C. Anche se non avete termometro, va bene se con un dito lo sentito tiepido.Versare in planetaria, (o in ciotola capiente se utilizzate le  fruste elettriche) e montare fino a quando il composto ricade a nastro. Il composto deve essere molto gonfio e spumoso. Manualmente aggiungere la farina, fecola, latte in polvere e lievito ben setacciati ed il burro, a filo, fuso su fuoco basso ed intiepidito. Mescolare delicatamente per non far smontare il composto, con movimenti dal basso verso l’alto. Questa operazione, in particolar modo l’introduzione del burro è molto delicata e va fatta con accortezza.
Versare il composto in una teglia con cerniera apribile ben imburrata ed infarinata da 26-28 cm di diametro e cuocere a 175°C per 45-60 minuti. Verificare la cottura con la prova stecchino.
Una volta fredda capovolgere il dolce e spolverarlo con  abbondante zucchero a velo.
si può utilizzare questa base per torte farcite; consiglio in questo caso di aspettare il giorno seguente per riuscire a tagliarla con facilità.






32 commenti:

  1. Delizia che proverò appena possibile! Grazie Regina dei dolci❤

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sabrina, quando ho fatto la foto con la rosa ho pensato a te! Se ci vediamo per il tè te la porto appena fatta!!

      Elimina
    2. Molto volentieri! Mi netti proprio la voglia di imparare davvero a fare i dolci!

      Elimina
  2. questa mi riporta ad anni in cui mia madre era giovane e bella, e la torta che faceva era la "pasta margherita" come la chiamava lei....che nostalgia e che profumo di buono quella torta. Grazie per la ricetta, appena ci riesco la faccio.. Un caro saluto. Giuli

    RispondiElimina
  3. P.s. mi correggo, la chiamava "pasta regina", così come chiamava "pasta maddalena" l'altra che faceva. Insieme alla torta di mele, le uniche che faceva.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai veramente la chiamava pasta regina? Allora esisteva una torta con quel nome. La pasta maddalena la conosco, si trova in tutti i ricettari di pasticceria!

      Elimina
  4. Questa la inserisco nelle cose da fare al piu presto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero ti piaccia, ma non ti aspettare la paradiso!!!😜

      Elimina
  5. È magnifica! La proverò presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, spero ti piaccia, magari potremmo provarne la versione al cacao😜

      Elimina
  6. da provare,grazie ,buona serata

    RispondiElimina
  7. Mi ispira proprio questa torta... proveremo, proveremo! Ho parlato di te e della tua presentazione a Murta anche sul mio blog "singolo", passa a dare un'occhiata ^_^
    PS: ho anche postato una foto della presentazione, se non volessi comparire, fammi sapere e la tolgo subito.

    RispondiElimina
  8. Sarebbe parente della pasta genoise per via del burro fuso ? Comunque ti è venuta così perfetta che regge un primo piano vicino vicino (Maria Chiara)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Maria Chiara... parente ma più buona! Ciao grazie sei sempre gentile!!

      Elimina
  9. Potrei provarla domani ,grazie !
    Francifiri

    RispondiElimina
  10. Angela bellocchio1 giugno 2016 00:39

    Cara Ilaria, domanda scema..non ho il latte in polvere..quello condensato no? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angela non è affatto una domanda scema...comunque no, ci va quello in polvere!

      Elimina
  11. Ha effettivamente un aspetto delizioso!!! Complimenti

    RispondiElimina
  12. Le cose semplici sono complicatissime, ma questa torta è davvero l'emblema del comfort food. Bella e deliziosa, sembra che ti dica "va tutto bene, goditi questo momento".

    RispondiElimina
  13. Ecco, se potessi, nemmeno io me la farei mancare a colazione! Sembra squisita, come sempre qui da te :)

    RispondiElimina
  14. Grazie per questa tortina da credenza, che per altro io adoro,proverò a farla quanto prima

    RispondiElimina
  15. Si vede ad occhio quanto è buona! 😉

    RispondiElimina
  16. Da provare subito, si vede che è DELIZIOSA, però dove posso trovare il latte in polvere ? altra domanda (inutile)con cosa sostituirlo se non lo trovo ? Grazie e ancora complimenti per le tue ricette!! Vanna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vanna, il latte in polvere si trova di solito nei negozi di prodotti etnici o nelle drogherie ben fornite. Se nn lo metti o lo sostituisci purtroppo cambia la consistenza. Diventa una semplice genoise. Io lo cercherei! Ciao e buona giornata

      Elimina
  17. è in questi dolci che si vede la bravura di un grande pasticccera, complimenti

    RispondiElimina
  18. Meravigliosa!!!!Fatta!!! Non mi è venuta perfetta come la tua ma che buona!!!!! Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Isabella per avere provato la ricetta!

      Elimina
  19. Buonissima!entra a pieno diritto nella classifica delle mie torte preferite

    RispondiElimina
  20. Io passo a leggere solo ora, ma l'avevo ammirata su fb. Bello il post, fantastica la torta. La proverò anche io, penso "nature".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Falla per piacere, voglio sapere il tuo giudizio!!

      Elimina

Vi chiedo gentilmente di firmare, se commentate come utenti anonimi, con un nome. I commenti totalmente anonimi verranno cancellati.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...