mercoledì 2 novembre 2016

Dolce Francesca


La ricetta di questo dolce, semplice e buono, mi è stata regalata da Francesca, di cui già ho pubblicato l’ottimo “dolce della cappuccine” qui e che ha riscosso moltissimo successo, come sempre quando si tratta di ricette facili e veloci.
Questo nuovo dolce è un semifreddo e l’unica variante alla sua  ricetta è il diverso procedimento per prepararlo, per evitare l’utilizzo delle uova crude, tanto comune nelle ricette di una volta. E’ necessario un passaggio in più, ma ne vale comunque la pena perché il dolce ne guadagna sia in sicurezza che in bontà. Basta armarsi di un termometro, anche di quelli semplicissimi dell’Ikea, che in cucina, soprattutto se si amano i dolci, è sempre utile.

Ingredienti (per una decina di persone)

3 tuorli di uovo medio (60 g circa)
60 g di latte intero
100 g di zucchero
semi di mezza bacca di vaniglia
200 g di panna liquida fresca
300 g di crema di marroni
150 g di amaretti secchi
3 cucchiai di rum ( 25 g circa)
3 cucchiai di caffè ristretto ( 25 g circa)
Pezzetti di marron glacé, piacere

Se non vi piace il caffè mettete tutto rum e viceversa o cambiate liquore. E’ perfetto anche il marsala secco.

Procedimento

Sbattere i tuorli con lo zucchero, unire i semi di vaniglia ed il latte freddo, a poco a poco. Mescolare e mettere su fuoco basso. Portare a temperatura di 84°C, come una normale crema inglese, sempre mescolando. Se non avete il termometro togliete dal fuoco quando la crema, che rimane comunque molto fluida, “vela” il cucchiaio. Versare in una ciotola capiente e montare con fruste elettriche (se non utilizzate una planetaria) fino a raffreddamento. La crema sbianchirà leggermente e gonfierà. Mettere coperta in frigo per mezz’ora.
Montare la panna fresca soda ma non sodissima ed amalgamarla delicatamente alla crema inglese montata. Predisporre uno stampo da plumcake o da pane da 8 per 24 cm di base, alto 8 cm circa, o di volume equivalente ungendolo con un velo di olio insapore, tipo di riso o di semi. Foderarlo sul fondo e laterali più lunghi con una striscia di carta forno da fare aderire perfettamente e che possa essere utile alla sformatura ( tenerla abbondante in modo da poter tirare su il dolce per facilitare la sformatura). Sulle pareti dei due lati dello stampo corti sarà sufficiente passare la lama del coltello.
Versare la crema, livellarla e mettere in frigo un paio d’ore, comunque fino a che la superficie sarà indurita. Nel frattempo sbriciolare gli amaretti, senza polverizzarli, e irrorarli con caffè e liquore, o solo una dei due liquidi, a vostro gusto. Togliere dal freezer il dolce e versare la crema di marroni distribuendola uniformemente sulla crema. Distribuire gli amaretti e schiacciare leggermente con le mani per farli aderire perfettamente alla crema di marroni. Riporre in frigo per un altro paio d’ore. Sformare e servire. In pochi minuti il dolce sarà della consistenza giusta di un semifreddo.
Se preferite, visto la dose piuttosto abbondante, potete fare delle monoporzioni in classici stampini da semifreddo e crem caramel, con la stessa stratificazione.
Potete servire il dolce con qualche pezzetto di marron glacé, a piacere.